OFF/On

Posted on ottobre 11, 2007

8


In questi giorni nel mio paesello c’è l’OFF.

Per il terzo anno consecutivo il regista si è inventato una rassegna indipendente di corti e documentari aperta al pubblico di tutte le età. Devo dire che non sono stata un’assidua frequentatrice della sala, ma un film, in particolare, continua a farmi pensare e ripensare, tanto che ho quasi dimenticato tutti gli altri corti presentati la stessa serata.

Il film si intitola Un’inguaribile amore.

Andate a visitare il sito e il blog.

Conoscere Cesare è effettivamente quello che ti viene voglia di fare dopo aver visto questo cortometraggio, che racconta di un pomeriggio qualunque di una giovane coppia. Lui, Cesare, è malato di SLA e lei, Stefania, gli sta accanto come moglie da una decina anni. Attraverso una lavagna trasparente e i movimenti degli occhi di Cesare discutono sul loro matrimonio. In dieci anni le cose non sono andate come credevano e certamente non come speravano. Ma sono ancora lì, insieme, a vivere tutto quello che viene. Commoventi i sorrisi che Stefania riesce a strappare al marito durante la loro conversazione.

La battaglia di Cesare per la vita, nonostante le enormi difficoltà di mantenere costante la speranza di una guarigione, rafforza la mia idea di una possibilità di vivere la malattia in maniera dignitosa e con fiducia nel futuro. Una battaglia che persone come Wilma, un’amica di famiglia che mi fa piacere ricordare qui, ha combattuto fino in fondo per se stessa, la figlia Francesca e il marito Alessandro. Wilma è scomparsa l’anno scorso, a 42 anni, dopo che il tumore le aveva invaso ogni cellula del corpo. Una sofferenza che non ha mai chiesto di sopprimere con la morte ma piuttosto di sostenere con la preghiera e l’affetto dell’amicizia.

Persone coraggiose come Wilma e Cesare non fanno notizia. Ma ne esistono a centinaia e hanno bisogno di tutto il sostegno possibile. Non neghiamoglielo.

Per info:

OFF: AncatdubhIsole
SLA: AISLA, Associazione Luca Coscioni
Cesare Scoccimarro: ConosciCesare
Diritti del Malato: Carta dei Diritti