Del perché, a volte, si ritorna sul blog.

Posted on giugno 22, 2009

1


Che senso ha un blog nell’era di facebook, twitter, friendfeed, tumblr? Non sono la prima a chiedermelo e non sarò neanche l’ultima.

Il fatto è questo. Che da quando l’art.21 della Costituzione sembra respirare a fatica, attaccato alle malandate macchine della nostra pseudo-demo-crazia, mi vien voglia di prendere un defibrillatore e gridare “LIBERA”, per non lasciarlo morire sotto le mani  inesperte di certi giornali e giornalisti.

Ché non ho smesso di stare sul blog perché non avevo più nulla da dire. Anzi. Il fatto è che mi ritrovo a scrivere un’enorme quantità di parole ogni giorno per motivi extra-blog, e quelle che mi rimangono per “manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione” ci stanno (ci stavano) giuste giuste nei 140 caratteri di twitter.

Non prometto nulla. Ma se avete voglia di una tazza di caffé formato post, ripassate da queste parti, ogni tanto.